Comunicazione spese ristrutturazione condomini entro il 28 febbraio 2019

Pubblicata il: 13 Feb 2019

Scadenza in arrivo per la comunicazione delle spese di ristrutturazione effettuate nei condomini: è il 28 febbraio 2019 il termine che gli amministratori di condominio dovranno tenere a mente.

Le istruzioni e le specifiche tecniche per l'invio sono state pubblicate dall'Agenzia delle Entrate con il provvedimento del 6 febbraio 2019.

L'obbligo è uno degli adempimenti legati alla messa a punto del modello di dichiarazione dei redditi precompilato da parte dell'Agenzia delle Entrate e sono sempre più le spese detraibili che saranno inserite nel modello 730.

Queste le indicazioni principali contenute nel provvedimento:

Comunicazione spese ristrutturazione condomini entro il 28 febbraio 2019

Per le spese di ristrutturazione edilizia e risparmio energetico effettuate sulle parti comuni dei condomini, l'amministratore è tenuto a trasmettere esclusivamente in modalità telematica una comunicazione con i dati delle quote a carico di ciascun condominio.

Le specifiche tecniche per l'invio sono state pubblicate dall'Agenzia delle Entrate con il provvedimento del 6 febbraio 2019 e i software per la compilazione e il controllo della comunicazione sono stati messi a disposizione nella versione definitiva.

La comunicazione, necessaria per fruire del bonus ristrutturazioni, dell'ecobonus e che riguarda anche le spese ammesse al bonus mobili ed elettrodomestici, dovrà essere trasmessa obbligatoriamente entro il 28 febbraio 2019.

All'interno del file telematico bisognerà indicare i dati delle spese sostenute al 31 dicembre 2018, prendendo come riferimento le fatture emesse dalla ditta che ha effettuato i lavori di ristrutturazione, quelli ammessi alla detrazione per risparmio energetico e i documenti che attestano il sostenimento della spesa per l'acquisto di mobili ed elettrodomestici.

All'interno della comunicazione sarà necessario indicare i dati del condominio (nominativo dello stabile e codice fiscale, qualora sia presente in Anagrafe Tributaria) e dell'amministratore. Per i condomini minimi sarà necessario utilizzare l'apposita voce.

Ulteriori indicazioni sull'invio telematico della comunicazione in scadenza il 28 febbraio 2019 sono disponibili sul sito dell'Agenzia delle Entrate.


Ristrutturazioni edilizie 2019: la Guida delle Entrate

Pubblicato 31 gennaio 2019

Bonus ristrutturazioni 2019: la detrazione fiscale par al 50% Irpef per le spese sostenute dal contribuente per interventi di restauro, manutenzione, messa in sicurezza dell'immobile, è stata prorogata dalla nuova legge di bilancio 2019.

A seguito delle nuove disposizioni che verranno introdotte dalla Legge di Bilancio 2019, i contribuenti, potranno beneficiare ancora della detrazione 50% delle spese sostenute e pagate con bonifici, effettuate dal 26 giugno 2012 al 31dicembre 2019, con un limite massimo di 96.000 euro per ciascuna unità immobiliare e bonus mobili e bonus acquisto elettrodomestici. 

Bonus ristrutturazioni edili 2019: Per tutto il 2019 imprese e contribuenti possono continuare ad utilizzare le detrazioni IRPEF nel settore edilizio grazie alla Legge di Stabilità 2019.

Le detrazioni del bonus ristrutturazione rimangono detraibili fino ad un massimo di 96mila euro con aliquota al 50% Irpef per chi svolge lavori di ristrutturazione edile mentre il bonus mobili 2019 e il bonus acquisto elettrodomestici sono stati riconfermati dalla legge di bilancio 2019.

Riguardo al nuovo Ecobonus 2019 risparmio energetico, ci saranno percentuali di detrazione diverse in base ai risultati raggiunti. Attualmente infatti la detrazione Ecobonus spese di riqualificazione energetica che spetta ai contribuenti che effettuano interventi di risparmio energetico è pari al 65%. Tale agevolazione è limitata solo a determinate tipologie di interventi, ecco alcuni esempi:

  • Installazione di pannelli per l'acqua calda alimentati da energia solare;
  • Impianti di climatizzazione, come le caldaie a condensazione;
  • Isolamento delle pareti o la coibentazione dei sottotetti atta ad impedire la dispersione termica;
  • Installazione di finestre e infissi per aumentare l'efficienza energetica dell'abitazione

Si ricorda che i contribuenti le cui spese rientrano sia nel bonus ristrutturazioni edili che nella riqualificazione energetica, hanno diritto a fruire una sola agevolazione fiscale.

Richiedibili per tutto il 2019 il bonus condomini, il sisma bonus ed il bonus tende da sole.

Bonus ristrutturazioni 2019 agenzia delle entrate: a chi spetta?

Il bonus ristrutturazioni edili 2019 rientra nelle agevolazioni fiscali che spettano a tutti i contribuenti che sono assoggettati all'imposta sul reddito delle persone fisiche residenti o meno in Italia.

1) Nello specifico, il bonus ristrutturazione spetta a:

- Proprietari di Immobili;

- Titolari di diritti pedonali di godimento sull'immobile oggetto di detrazione, ovvero, usufrutto, uso, abitazione o superficie;

- Nudi proprietari;

- Locatari e comodatari;

- Soci di cooperative;

- Imprenditori individuali se l'immobile non è ad uso strumentale;

società semplici, in nome collettivo, in accomandata semplice e soggetti equiparati, imprese famigliari con le stesse modalità degli imprenditori individuali.

2) Familiare convivente con il proprietario o possessore dell'immobile oggetto dell'agevolazione:

  • coniuge;
  • parenti entro il terzo grado;
  • affini entro il secondo grado.

3) Convivente more uxorio, non proprietario dell'immobile oggetto degli interventi né titolare di un contratto di comodato.

4) In caso di Contratto Preliminare, l'agevolazione spetta se:

  • è stato immesso nel possesso dell'immobile

  • esegue gli interventi a proprio carico

  • è stato registrato il compromesso.

4) Hanno diritto alla detrazione, anche i contribuenti che effettuano da soli i lavori sull'immobile, in questo caso le spese da portare a detrazione dalla dichiarazione dei redditi annuale sarà limitatamente alle spese di acquisto dei materiali utilizzati.

Bonus ristrutturazioni 2019: elenco lavori edili agevolabili

La Detrazione spettante a coloro che effettuano ristrutturazioni edilizie per tutto il 2019, è pari al 50% da ripartire sempre in 10 quote annuali di pari importo, a partire dall'anno in cui si sono sostenute le spese.

Ecco quindi per il Bonus ristutturazioni 2019 elenco lavori agevolabili con detto bonus:

Lavori ammessi alla detrazione: I lavori ammessi alla detrazione sulle ristrutturazioni edilizie, eseguiti sull'unità familiare e sugli edifici residenziale sono:

  • i lavori interventi di manutenzione straordinaria, restauro e risanamento conservativo e ristrutturazione edilizia effettuati sulle singole unità immobiliari residenziali di qualsiasi categoria catastale, anche rurali e sulle loro pertinenze;
  • lavori di manutenzione ordinaria, manutenzione straordinaria, restauro e risanamento conservativo, ristrutturazione edilizia, qualora effettuati su tutte le parti comuni degli edifici residenziali;
  • lavori di ricostruzione o al ripristino dell'immobile danneggiato a seguito di eventi calamitosi;
  • lavori per la creazione di autorimesse o posti auto pertinenziali, anche a proprietà comune;
  • interventi volti all'eliminazione delle barriere architettoniche;
  • lavori atti a favorire la mobilità interna ed esterna all'abitazione per le persone portatrici di handicap gravi;
  • bonifica dall'amianto ed interventi contro gli infortuni domestici.
  • bonus videosorveglianza e misure di sicurezza.
  • quelli finalizzati alla cablatura degli edifici, al contenimento dell'inquinamento acustico, al conseguimento di risparmi energetici, all'adozione di misure di sicurezza statica e antisismica degli edifici.

Importante: nel caso in cui gli interventi effettuati rientrino sia nelle agevolazioni previste per il risparmio energetico che in quelle previste per le ristrutturazioni edilizie, il contribuente può fruire, per le medesime spese, soltanto dell'uno o dell'altro beneficio fiscale, rispettando gli adempimenti specificamente previsti in relazione a ciascuna di esse.

Per maggiori informazioni leggi la guida ufficiale elenco lavori bonus ristrutturazioni 

agenzia entrate